Catalogo Ikea 2016: back home

Avederlo, il catalogo Ikea 2016, viene voglia di autunno, certo senza fretta! E per fortuna che c'è: questo scrigno di pagine che raccontano uno stile di vita rassicurante, dove tutto va bene e dove c'è spazio per tutti. Persino a vedere gli attori che animano cucine e salotti viene voglia non solo di comprare ma anche di conoscere tutta questa bella gente che prepara dolcetti, che gioca nella camera dei pargoletti, sempre con il sorriso e zero paranoie, sembrano pure interessanti. Insomma gente normale, mediamente equilibrata, con la quale sarebbe bello aprire un buon vino e preparare insieme una ricetta, anche svedese (a limite dopo si ricorre ad un last minute aglio, olio e peperoncino!).

Veniamo al catalogo Ikea 2016, che è meglio...

Tutti insieme appassionatamente, grandi e piccini. Bianchi, gialli, blu, a pois! Sì sarebbe bello vivere in un mondo che se ne frega delle distinzioni tra me e te.
L'idea da copiare: tocchi di turchese anche in cucina e illuminazione dallo stile industriale, volutamente immediato.
Concordo!

Non propriamente l'idea della nonna con reumatismi e grembiule a fiori a seguito. Anche se, io rimango per la tradizione. Magari senza i reumatismi.

Avere una mamma con cui coltivare un piccolo orto in casa? Ma anche sì, meglio di un pomeriggio dal parrucchiere o illuminando discutibili pollici su Facebook, no?


Ikea non è un posto che vende solo cose. Ispira in qualche modo; ti fa rientrare a casa con la voglia di organizzare tutto, rivoluzionare persino quel cassetto dimenticato o di mettere in ordine il frigo, più o meno così (vedi foto sottostante). Anche se la situazione "ho tutto sotto controllo" durerà per un solo giorno, questo è poco ma sicuro!

© Photo Ikea

Nessun commento:

Posta un commento