Aci Trezza: dentro un abbraccio di pietra


"Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole."
Giovanni Verga, I Malavoglia

Ricordate lo scorcio siciliano che regalava lo sfondo letterario alla famiglia de "I Malavoglia" di Giovanni Verga? Bene vi porto lì, ad Aci Trezza, con alcuni scatti fotografici alla luce flebile del crepuscolo. Un momento magico, quando non è ancora sera e non è più giorno.

In quel preciso momento della giornata i faraglioni dei Ciclopi (otto scogli basaltici, chiamati così perché la leggenda vuole che siano stati scagliati da Polifemo contro Ulisse, a causa della fuga di quest'ultimo) si tingono di un nero profondo e sembrano graffiare il blu intenso del mare e del cielo; senza dubbio l'uno il proseguimento dell'altro. 

Tutto intorno parla dell'opera di Verga, tra ristorantini che ricordano il noto romanzo e le barche ormeggiate al porto. Un posto dove il tempo scorre lentamente, alle volte sembra non scorrere affatto; diversi film sono stati girati proprio in questo teatro a cielo aperto, il più famoso è "La terra trema" di Luchino Visconti e Antonio Pietrangeli (pellicola interpretata dalla stessa gente del posto).

A pochi passi dalla chiesa principale vi è "la casa del Nespolo", la dimora de I Malavoglia, identificata grazie alle descrizioni nel romanzo stesso; oggi la casa ospita un museo che espone strumenti della tradizione marinara e una galleria fotografica tratta dal film di Visconti.

Infine, sosta obbligatoria da Pane&Chocolat, a pochi passi dalla piazza principale di Aci Trezza, dove divorare dei sublimi cannoli express, ovvero dei cannoli farciti proprio l'attimo prima di essere assaporati; la Sicilia da mordere tra cialda croccante (vero segreto di un buon cannolo!) e il gusto vellutato della ricotta. Un piacere per i cinque sensi!






.

Il posto ideale per inguaribili romantici. 
Pane&Chocolat, Aci Trezza.
Un posto dove assaporare tra una passeggiata e l'altra tutte le leccornie sicule.
Arancini, schiacciate e i mitici cannoli.

Cialda dei cannoli da farcire
Un po' di granella di pistacchio
Un po' di zucchero a velo
Et voilà!

Potevo resistere e non divorarne uno? 
























15 commenti:

  1. Posto stupendo.
    Molto buoni i cannoli.Ciao.

    RispondiElimina
  2. che meraviglia!
    Foto spettacolari! Per veri romantici :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è un posto romantico al cubo. ;) Durante la settimana c'è poca gente e diventa tutto ancora più poetico.

      Elimina
  3. Amo la Sicilia e vorrei trascorrerci tutte le estati della mia vita.
    Amo la granità al limone e alle mandorle.
    Ho amato tanto anche Verga, i Malavoglia e Don Gesualdo. E quando riporti qualche frase, penso che dovrei leggere quelle pagine.

    http://littlemissbook.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cosa bella che hai scritto sulla Sicilia. :)
      Verga è sempre stato tra i miei scrittori preferiti.

      Elimina
  4. Mamma mia che spettacolo quelle foto! Hanno una luce particolarissima, il che rende davvero molto molto belle!!
    Complimenti!!
    Un abbraccio!!
    Life, Laugh, Love And Lulu!!
    Facebook Page

    RispondiElimina
  5. Queste bellissime foto mi fanno venire in mente tanti ricordi. Sono particolarmente legata ad Aci Trezza e quando torno in Sicilia non mi faccio mai mancare una tappa in questo posto incantevole (con granita al Mythos annessa!!).
    Non sapevo di Pane&Chocolat quindi grazie mille per la dritta!

    Valeria
    http://myurbanmarket.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla, Pane&Chocolat è nuovo! Al Mythos andavo anch'io spesso! ;)

      Elimina
  6. Incanto! La prima foto, poi, è proprio magica!!!
    Baci :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fanciullo con il libro mi ha stregata.

      Elimina
  7. Hanno già detto tutto le altre, questo luogo è magico! Complimenti per le foto e per la bella descrizione.

    http://lovedlens.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. Che post evocativo: un posto mozzafiato per un romanzo eccezionale!

    RispondiElimina
  9. Non avevo ancora letto il post che mi sono subito ricordata dei miei studi superiori! Quanto ho patito su quel libro ambientato ad Aci Trezza...!

    RispondiElimina