Margherita Hack e la sua bellezza stellare

Margherita Hack















"La colpa di Eva è stata quella di voler conoscere, sperimentare, indagare con le proprie forze le leggi che regolano l'universo, la terra, il proprio corpo, di rifiutare l'insegnamento calato dall'alto, in una parola Eva rappresenta la curiosità della scienza contro la passiva accettazione della fede."
Margherita Hack, Le mie favole, 2008

Credo che questa fotografia, tratta da Vanity Fair renda bene l'immagine che Margherita Hack ha dato. La signora della porta accanto, sempre divertita dalla vita, dalle sue scoperte e dalle sue domande. La signora della porta accanto che ti raccontava di stelle, così come niente fosse e ti faceva sentire speciale quando ti spiegava che anche tu, sì sì anche tu, sei fatto di polvere di stelle.

Mi piace vedere la bellezza delle donne nel sorriso sincero, tra le pieghe delle rughe, nel naso arricciato da un'espressione divertita. Alla faccia della pornografia del per forza perfetto di Photoshop!
Sono certa che una delle cose più belle che possa capitare ad un essere umano è quella di trovare un argomento che sia il compagno della vita. Quello di cui ti senti parte, che ti tiene compagnia la mattina anche quando scegli la frutta al mercato o quando tieni spento il rumore del tubo catodico o eviti compagnie sterili, per occuparti di "lui" nel silenzio pacato della sera. Quello che non ti fa mai sentire sola, asciutta, o pronta a perdere l'equilibrio in qualsiasi momento.

Margherita Hack ha trovato questo compagno nella scienza, che l'ha illuminata e per sempre. Lo si capisce lontano anni luce dal guizzo dentro i suoi occhi.
Una donna libera da tante prescrizioni sociali, etiche, morali, preconcetti e convenevoli, conservando intatta la sua eleganza e bellezza. In altre parole: chiamasi stile e non si trova nelle copertine dei magazine.
Scusate se è poco.

9 commenti:

  1. uno spettacolo di Donna, come Rita Levi Montalcini, le stiamo perdendo tutte, Loro, la forza femminile capace di capovolgere il mondo!


    http://www.reveriesauvage.com/

    RispondiElimina
  2. Davvero una donna come poche! Un sorriso che esprime intelligenza, umanità e ironia.
    Baci e buona domenica :-)

    RispondiElimina
  3. Concordo con te in tutto e per tutto, è una gioia che di tanto in tanto vivano in mezzo a noi delle donne del genere, quando se ne vanno è davvero triste.
    Dovrebbero essere per noi donne un grande esempio da seguire!

    RispondiElimina
  4. davvero una grandissima donna, che ha fatto della sua passione una ragione di vita e di crescita....

    RispondiElimina
  5. Hai scritto uno splendido articolo, complimenti :)
    Avrei voluto scriverlo io.. bravissima!
    Lei mancherà, mancherà molto a questa Italia folle.. Era una di quelle persone che mi ispiravano speranza..
    "Sono certa che una delle cose più belle che possa capitare ad un essere umano è quella di trovare un argomento che sia il compagno della vita." Lo credo anche io e spero di trovarlo prima o poi per avere una vita piena!
    Grazie cara Tiziana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto sei carina a scrivere così, mi fa enorme piacere. Scrivere per me è quel "compagno"... l'ho sempre saputo. Ti auguro di trovare questo genere di sensazione in qualcosa. Non ti farà mai più sentire sola, senza una destinazione.

      Un abbraccio grande
      Tiziana

      Elimina
  6. Che belle parole che hai usato Tiziana. Pochi avrebbero saputo raccontarla così. Tu sei una delle poche.

    RispondiElimina
  7. E' un vero piacere conoscerti! A presto...
    Silvia

    RispondiElimina
  8. bello questo post, lei era una donna straordinaria, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina